La lavorazione di un manga 9 – La stampa

Al punto in cui siamo arrivati, il nostro bambino impaginato lascia le amorevoli cure della redazione e si ritrova catapultato nel meraviglioso mondo della stampa.
Non posso, perché non ne ho mai fatto parte attivamente, parlarvi dettagliatamente dei processi di stampa, ma arriverà una bella intervista ai tipografi, però posso raccontarvi intanto le difficoltà di stampare un manga e posso farvi qualche esempio pratico di quanto costi stampare, dato che ovviamente non è che le tipografie lavorano gratis. Anzi, senza il tipografo, una redazione non avrebbe motivo di esistere e tutto resterebbe bellamente nei computer degli editori senza che voi abbiate la possibilità fisica di leggere il volume.

1272828_10202462579434327_2031980409_o
Capi-Bara disegnati dalla bara mangaka per eccellenza Lorenza Cherry De Luca

Stampare costa. Punto. Tanto. Più si alza il numero di copie stampate e meno costa a singola copia, ma costa. Un esempio: stampare 100 copie di un manga non ha senso. Non tanto perché ogni copia vi costerebbe 40 euro, ma perché nella stampa offset (che è ancora quella più diffusa rispetto alla stampa digitale) servono almeno 1000 copie per scaldare la macchina di stampa.
Il minimo di stampa richiesto per un manga è di 1000/1200 copie, ma più comunemente, sotto le 2000 copie è un bagno di sangue editoriale.
Ipotizziamo che un manga di 192 pagine costi all’editore 1,50 a copia, per arrivare a 2000 copie servirà un esborso di più di 3000 euro. Non bruscolini. Anche qui, come qualche capitolo fa, la cifra è assolutamente inventata. Puntate al rialzo. Ci state prendendo.

797cbec0374d11e1a87612313804ec91_7

Il rischio d’impresa è normale, ma come abbiamo visto nei precedenti capitoli, c’è tutta una filiera precedente di gente e altre imprese che va pagata. E quindi, questo spiega in parte il prezzo dei manga in Italia. In molti casi, un manga a 4,50 è un suicidio se non si vendono 10.000 copie o più. E vi assicuro che oggi vendere 10.000 copie è come trovare un bambino sotto un cavolo, cioè una bella favoletta che vi raccontavano da bambini. E vale per tutto il mondo editoriale.

Ma il tipografo come lo si contatta? Ci sono tipografie che stampano meglio i fumetti di altre? Sicuramente sì, e vi basterà guardare nei colophon dei vostri albi preferiti. Ma una volta contattato questo tipografo ci sarà prima da prendere appuntamento, farsi fare un preventivo di stampa, poi di nuovo accordarsi e infine inviare i file della lavorazione. Per stampare una tiratura di un volume ci vorranno dai 10 ai 15 giorni, ricordatevi che non sarete il solo cliente della tipografia. E può succedere di tutto. La stampa dell’intera tiratura può essere fallata, oppure bisogna attendere che al tipografo tornino le forniture della carta che avete scelto per stampare il fumetto… O può esserci un’alluvione o una nevicata che blocca l’intera città! Ebbene sì, è successo.
Non si tratta di un manga ma ve lo racconto comunque: durante il processo di lavorazione di “Non facciamone un lesbodramma” di Frad, prendemmo accordi con la tipografia per avere i volumi entro un giorno prestabilito e poter confermare la presentazione che ci avevano chiesto al Mario Mieli di Roma.
Ordunque, tutto sembrava procedere, quando una nevicata come non se ne vedevano da anni, si abbattè su Roma paralizzando tutto. Quando? Proprio il giorno che dovevamo fare la presentazione. Facemmo le corse, ma i magazzini del tipografo, che di solito non sono MAI ubicati in centro città ma nella zona industriale se non in paesini limitrofi, erano irraggiungibili. Alla fine facemmo la presentazione senza il volume, con conseguente incazzatura di tutti. Succede. Consegnai il volume a mano girando Roma in metro, bus e bicicletta a tutti quelli che ne avevano fatto richiesta alla presentazione.

lesbodramma05Oppure, succede, ma vi parlo di una cosa accaduta esattamente 20 anni fa, che mandi un Boys’ Love in stampa e il tipografo ti dice che non lo stamperà. Ma non subito. Solo quando ti consegna gli altri albi che ha stampato per te e che dovevano uscire lo stesso giorno del Boys’ Love. Motivazione? “Non stampiamo oscenità come questa.”. Intendendo ovviamente che due maschi che fanno l’amore sono un abominio.
Quindi, l’uscita del Boys love viene rimandata, i lettori si incazzano, noi perdiamo un sacco di soldi e la faccia con gli editori giapponesi… Un casino. Oggi quel tipografo è uno stimato editore, anche bravo, e pubblica anche cose LGBT. Erano altri tempi. E ad oggi nessuno dei quelli che lavorava al tempo presso il tipografo fa parte della casa editrice, ma fu una bella gatta da pelare. Lavoravo nell’editoria da 2 mesi, avevo 19 anni e mi crollava il mondo addosso, non solo in quanto omosessuale dichiarato ma in quanto parte attiva del lavoro in questione.
Il volume uscì comunque, grazie ad un altro tipografo, la cui motivazione erano i soldi e non certo “Frocio è bello”, e se sono qui a raccontarvi queste cose è perché potete fare del vostro meglio e correre, ma gli intoppi ci saranno sempre. C’è gente che, per un qualunque motivo, ti bloccherà il lavoro. Non prendetevela sempre e solo con l’editore se il vostro fumetto preferito ritarda: può essere successo di tutto e non è sempre possibile poterlo raccontare. Dopo vent’anni sì, si può dire. Ahah!

unnamed

Comunque, tornando a noi: una volta che la prova di stampa è su carta, si ricontrolla il volume insieme al tipografo e ci si rimette mano se qualcosa non va. Una volta che è tutto a posto, e si è apposto il “Visto si stampi”, il volume viene stampato nella quantità desiderata, ma si sa, ci vogliono quei 15/20 giorni di cui sopra.
Nel prossimo capitolo scopriremo la figura del distributore e lì, cari lettori, ci sarà da ridere perché il mondo dell’editoria è spietato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: